Biscotti al cocco

By | 22 dicembre 2005

Una delle infinite varianti di questi biscotti, inventata al momento.

Un avanzo di cocco essiccato tagliato a pezzi, che però erano troppo grossi e che quindi ho passato al frullatore, alla pesata sono risultati circa 50 grammi. Ho deciso che lo zucchero dovesse essere in pari quantità e così ho sbattuto nella ciotola anche 50 grammi di zucchero. Il burro mi piaceva pensarlo in quantità doppia, quindi ho messo ad ammorbidire (ma non liquefare) al microonde 100 grammi di burro, che ho aggiunto a cocco e zucchero e ho montato energicamente. Quindi ho preso un uovo, ce l’ho rotto dentro e ho ri-girato, sempre energicamente. Sulla farina avevo delle perplessità, quindi ho cominciato con 100 grammi, ma mi sembravano pochi e ne ho aggiunti altri 30. Dopodiché mezzo cucchiaino di sale e mezzo cucchiaino di lievito (e perché non si dica che non sono una donna precisa l’ho anche pesato, il lievito: 7 grammi). alla fine, per rendere l’impasto più molliccio (non volevo stenderlo, troppa fatica, ma depositarlo a cucchiaiate sulla teglia) ci ho messo tre dita di latte tiepido. gira-gira-gira, et voilà. a questo punto ho fatto delle polpettine (per gli amanti del francese, quenelle) con due cucchiaini e le ho depositate su una teglia coperta di carta oleata.

La forma irregolare e bruttarella tende a migliorare con la cottura, i biscotti si allargano, la superficie si leviga e i bordi si compattano e si colorano. la presenza del lievito li rende soffici e spumosi. Mezz’ora in forno a 170 gradi e sono pronti per il consumo gaudente.

Lascia un commento