Sfoglia per Sambussa, samosa, brick, borek… 0vvero: “la phillo dov’è?”

By | 2 marzo 2006

Dunque, questo è il metodo “ufficiale” per i sambussa e i [url=http://www.prezzemoloefinocchio.it/modules/wfsection/article.php?articleid=2855]samosa[/url] indiani.

Io credo che sia il metodo “mamma” anche della sfoglia… 😀 ma qui entriamo nel campo delle ipotesi ardite. Sicuramente va bene anche per fare, se non si trova la pasta phillo, brick (nord Africa) e i borek (Turchia), berak (Libano), burak (Siria), ecc. Insomma, tutti gli “involtini” del Medio Oriente che vanno fritti o al forno. 

Non vi sognate di sostituire la pasta phillo con questo… manco se siete delle regine rezdore. In ogni caso, sicuramente può rivelarsi utile per tantissime cose, anche non “etniche”.

Impastate acqua, un po’ di sale e farina. In questo caso, ho usato metà 00 e metà integrale, perché dovevo fare i sambussa etiopi… ma voi regolatevi come preferite.

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa1.jpg[/img]

Dopo un’oretta di riposo (non necessariamente vostro, ma dell’impasto), dividetelo formando delle palline (grandezza di quelle da golf)

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa2.jpg[/img]

A questo punto, mi è piombata Enza a casa. :ris2: Stavolta ha sbagliato i tempi e le è toccato faticare, Tanto lei è abituata al mattarello di marmo, no? :ehe:

Stendete la prima pallina

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa3.jpg[/img]

Poi stendete anche la seconda e la terza. Le donne del Corno d’Africa, che sono brave, arrivano fino a sette. 😀 Qui non è necessario che le facciate sottili.

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa4.jpg[/img]

Ora dovete mettere del “grasso”. Ci andrebbe del burro chiarificato, che io non avevo. Quindi, alla “donna di fatica” :ehe: ho fatto mettere dell’olio di semi.

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa5.jpg[/img]

Ripetere l’operazione anche con un’altra sfoglia e sovrapporla alla prima, lasciando in alto il lato oliato.

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa6.jpg[/img]

Mettere la terza sfoglia (o quante volete, continuando con questo metodo) e poi allargate più che potete.

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa7.jpg[/img]

Nel frattempo, avrete messo sul gas a riscaldarsi la padella delle crepes (se la vostra è abbastanza grande) oppure un padellone antiaderente. Quando sarà molto caldo, mettete la sfoglia. Giratela non appena cambia colore (circa un minuto)

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa8.jpg[/img]

Quando diventa più o meno così, toglietela (Attenti a non farla seccare troppo)

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa9.jpg[/img]

Tagliatela così

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa10.jpg[/img]

in quattro pezzi, a croce

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa11.jpg[/img]

Ora prendete un pezzo in mano e sfogliatelo

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa12.jpg[/img]

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa13.jpg[/img]

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa14.jpg[/img]

Ogni pezzo andrà piegato così.

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa15.jpg[/img]

Be’, adesso che Enza se n’è andata, vi faccio vedere meglio. Per incollare il cono, usate un impasto di acqua e farina

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa16.jpg[/img]

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa17.jpg[/img]

A questo punto va riempito con il ripieno scelto e poi chiuso, sempre utilizzando l’impasto di acqua e farina

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa18.jpg[/img]

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/sambussa19.jpg[/img]

Scegliete tra le varie ricette il ripieno che preferite (o inventatevelo), ricordatevi di richiudere bene il fagottino, friggete in olio profondo… oppure infornate.

Tenete presente che (limitando la quantità di sale nell’impasto, possono essere usati anche per preparazioni dolci.

[b][color=009933]Consigli di Enza che mi ha aiutato durante la preparazione[/color][/b]

Io invece, tiratrice di sfoglia, vi dico:  per fare la sfoglia tonda basta girarla di un quarto di giro ad ogni spianata. E non avere fretta, spianare a poco a poco.

Per essere più chiara, spianate una volta la palletta di pasta con un movimento verticale avanti e indietro. Otterrete una sfoglia di forma ovale con un estremo in alto e uno in basso. Dividiamo questo ovale in quadranti e facciamo finta che sia un orologio. Supponiamo che la punta in alto siano le ore 12, a destra ci siano le 3, in basso l’altra punta è alle 6 e a sinistra le 9. Per fargli fare un quarto di giro portare le 3 al posto delle 12, ruotando la sfoglia in senso antiorario. Mi raccomando, non più di un quarto di giro il che vuol dire che al posto delle ore 12 ci potete mettere l’1 le 2 e le 3 al massimo. 

E fin qui mi sono capita solo io.. :genio: Cle’, ora ho capito che le sette sfoglie non sono a caso, né per ragioni cabalistiche. Anzitutto, sovrapponendone 7 e facendo dei tondi di diametro più piccolo si fatica di meno, poi le sfoglie interne diventano assai più sottili, pur rimanendo sfogliabili.

Lascia un commento