“Braciole” di cotica di maiale al sugo

By | 26 settembre 2004

per 4 rivalutatori del maiale: un bel pezzo di cotica di maiale delle dimensioni di 60×40 cm; salsa di pomodoro a piacere. mollica di pane; un po’ di latte; uvetta e pinoli; formaggio pecorino; due peperoncini; prezzemolo; una spolverata di cannella poco olio e.v. e pochissimo lardo; uno spicchio d’aglio vestito; una spruzzata di aceto di vino bianco.

Lavo accuratamente il pezzo di cotica dopo averlo passato sulla fiamma per eliminare le setole residue e la taglio in 12 rettangolini regolari dopo averla asciugata, in maniera tale da ottenere 12 piccoli involtini. Preparo il ripieno degli involtini o braciole che dir si voglia ammolando un po’ di mollica di pane con un goccio di latte, la strizzo e poi vi mescolo poco olio, il formaggio pecorino, l’uvetta ammollata in latte e i pinoli (sembrano quasi gli Abbott&Costello della cucina ), il prezzemolo tritato, la cannella e un peperoncino. Stendo il composto su ogni rettangolino ed avvolgo la cotica a guisa di involtino appunto. Li stringo bene con le mani e li lego con lo spago. Faccio andare in casseruola poco olio e un pezzetto piccolo di lardo con l’aglio (tanto poi il grasso residuo lo danno le cotiche) e metto a rosolare per bene le bracile finchè non si indorano. Spruzzo con l’aceto bianco, tolgo per un secondo le braciole e scolo gran parte del grasso che si è formato. Rimetto sul fuoco e faccio riprendere calore e verso la salsa di pomodoro in quantità desiderata se si vuole ottenere un intingolo per la pasta o se si vul mangiare gli involtini e basta. Faccio andare a fuoco medio per una ventina di minuti massimo a pentola coperta e servo. Se si vuol condire la pasta non dimentichiamo una bella spolverata di pecorino con cui si è farcito le braciole.

Lascia un commento