Il cinghiale in dolce-forte

By | 25 gennaio 2004

Per 4 persone: 1kg di cinghiale spezzato (meglio se con un po’ di cotenna e grasso) – 1 bicchiere e 1/2 di Chianti vecchio (o altro vino rosso tosto) – 1 bel bicchiere di brodo di carne – 1/2 bicchiere di grappa  – 2 spicchi d’aglio – 1 carota – 1 costola di sedano – 1 mazzetto di prezzemolo  – 1 cipolla media – 2 foglie d’alloro – 1/2 bicchiere di aceto di vino – 1 pizzico di noce moscata in polvere – 1 pizzico di cannella in polvere – 30g di cioccolata nera amara da copertura – 30g di uvetta rinvenuta – 30g di gherigli di noci pestati – 30g di pinoli – 30 di cedro candito sminuzzato (va bene anche il limone candito o i dadini di canditi misti che si trovano a supermercato reparto pasticceria) – 2 cucchiai da minestra radi di zucchero – olio d’oliva e.v. – sale e pepe

Fare un battuto con la cipolla, la carota, il sedano, l’aglio e il prezzemolo e farlo “fondere” (non dorare) in tegame nell’olio d’oliva.

Aggiungere la carne di cinghiale e farla rosolare bene. Salare, pepare e aggiungere l’alloro, la cannella e la noce moscata. Bagnare con il vino rosso e lasciare evaporare il vino. Bagnare con il brodo, coprire il tegame e lasciare cuocere a fuoco basso per almeno 45 minuti e comunque finché la carne di cinghiale non sia tenera.

Nel frattempo sciogliere il cioccolato in un pentolino, aggiungere la grappa, le noci, l’uvetta, i pinoli, il cedro candito e lo zucchero. Amalgamate bene il tutto.

Levare il cinghiale dal suo sugo e sgrassare il sugo se è il caso. Rimettere il cinghiale nel suo sugo e aggiungere il miscuglio di cioccolato diluendolo bene nel sugo. Portare a bollore e lasciare sobbollire a fuoco molto basso per esattamente 3 minuti.

Servire caldissimo con contorno di patate, di polenta o purè di castagne.

 

Lascia un commento