Spaghetti con i grunsci/garusoli/murici

By | 19 giugno 2007

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/spaghettigrunsci1.jpg[/img]

Spurgarli in acqua e sale per qualche ora, cambiando l`acqua ogni tanto. Annusate ogni tanto per controllare che non ce sia qualcuno morto, perchè l`odore non è per niente piacevole.

Cuocerli in acqua bollente per una ventina di minuti. Scolarli e con un gancetto, spillo o stuzzicadenti tirare fuori la carne dalla conchiglia e staccare la parte dura finale( opercolo)

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/spaghettigrunsci2.jpg[/img]

Si possono lasciare così, ma io preferisco tritarli grossolanamente con la mezzaluna. In una padella soffriggere in olio un trito di abbondante prezzemolo, aglio e peperoncino a gusto. Una fetta di fungo secco ammollato, un`acciuga sotto sale e una manciatina di pinoli non ci stanno male. Aggiungere i grunsci, bagnare con mezzo bicchiere di vino e lasciar evaporare.

Nel frattempo si cuocciono gli spaghetti al superdente. Si mettono nella padella e si saltano.

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/spaghettigrunsci3.jpg[/img]

Adotto il metodo del trito anche quando preparo gli spaghetti ai frutti di mare.

E` un piatto diverso dal classico, saporito ed ha il vantaggio di non ritrovarsi gusci sul tavolo, specie se è una cena non troppo informale.

[img]http://www.prezzemoloefinocchio.it/images/foto/spaghettigrunsci4.jpg[/img]

Lascia un commento