Salmone a modo mio

By | 30 giugno 2003

Allora – tutto e’ semplice semplice. Il punto sta nel trovare il salmone fresco. Dovete fidarvi del pescivendolo. Al limite guardandolo dritto neglio occhi senza battere le palpebre dite” Lo devo usare per il carpaccio…E’ proprio SICURO che il salmone sia fresco? ? ? ? “…dalla vostra voce e dallo sguardo si deve capire che nel caso del decesso causato dal salmone scaduto il pescivendolo verra’ perseguitato dal vostro spirito per il resto della sua a questo punto penosa vita.

Accertata la freschezza del salmone fatevene tagliare un trancio da mezzochilo come minimo. Io in genere ne prendo un chilo. Se non lo volete fare voi – fatelo spinare dal pescivendolo, senza tagliarlo pero’ in 2 parti. Deve essere aperto “a libro”.

Lavate il salmone, asciugatelo con la carta assorbente. Prendete del sale fino e “strofinate” il salmone da tutte le parti con del sale (senza insitere troppo pero’ ). Insomma non gli dovete fare un massaggio…. dovete solo accertarvi che sia coperto dal sale da tutte le parti. Dopodiche’ lo richiudete e lo mettete un un contenitore. Chiudete il contenitore e lo mettete nel frigo oer 24 ore.

Trascorse 24 ore sciacquate il salmone (per togliere il sale in eccesso), lo asciugate e lo affettate. Tolto quello che mangerete subito vi consiglio di surgelarlo a porzioni. Cioe’ una decina di fettine alla volta. Io faccio dei pacchettini con la pellicola. Si scongela molto velocemente e non cambia il sapore.

Per che abbia paura di farlo solo con il sale si puo’ spruzzare con del succo di limone prima di mettere il sale… Poi si puo’ aggiungere anche l’aneto prima di servirlo e di surgelarlo… L’aneto e’ per me l’erba piu’ giusta per il samone……..

Lascia un commento