Lasagne napoletane

By | 30 giugno 2003

Ingredienti: lasagne di semola di grano duro – ragù napoletano – polpettine – ricotta – salsicce – mozzarella o scamorza – uova sode (facoltative) – parmigiano, grana oppure caciocavallo grattugiato.

Guardate che è un piatto molto laborioso, che bisogna cominciare a preparare il giorno prima. Io vi ho avvisati, eh?

Allora… Vi serve un buon ragù. Napoletano. [url=http://www.prezzemoloefinocchio.it/modules/wfsection/article.php?page=1&articleid=114]Cliccando qui[/url] trovate la mia ricetta.

Poi vi servono tante polpettine, ma piccole piccole. Se non sapete come farle, [url=http://www.prezzemoloefinocchio.it/modules/wfsection/article.php?page=1&articleid=678]cliccando qui[/url] trovate laricetta delle mie polpette antiche, togliete uva passa e pinoli… e avete l’impasto. Poi fate tante “noccioline”, le friggete e mettete da parte.

Poi cuocete un paio (anche tre) salsicce, aiutandovi con un po’ di vino.

Naturalmente, avrete comprato della buona ricotta. La ridurrete a crema, aiutandovi con l’acqua di cottura delle lasagne e vi aggiungerete il formaggio grattugiato, amalgamandolo.

Taglierete le salsicce a fettine.

Tagliate a pezzetti anche della mozzarella (piuttosto asciutta). Al suo posto, potete usare anche una scamorza.

Chi vuole davvero esagerare, fa rassodare anche un paio di uova e poi le taglia a fette. Forse è un po’ troppo, ma vedete voi… Io, a volte, l’ho fatto.

Le lasagne napoletane non vanno fatte con la pasta all’uovo, ma con lo stesso formato di pasta di semola. Le cuocerete poche alla volta in acqua bollente e le tirerete su molto al dente.

Mettete sul fondo della pentola uno strato di ragù. Coprite con uno strato di lasagne, leggermente sovrapposte, ma mettetele anche ai lati, in modo che fuoriescano dai bordi. Insomma, formate uno scrigno e cominciate a fare gli strati. Ragù abbondante, ricotta stemperata con un po’ d’acqua di cottura della pasta, mozzarella, salsiccia, polpettine e… le uova sode. Almeno 4 strati di pasta. A quel punto, chiudete con la pasta che avevate lasciato penzolare ai bordi. Ricoprite con abbondante ragù e infornate a 180° per circa mezz’ora. Più o meno, insomma… Poi ve ne accorgete, no?

Lascia un commento