Chiacchiere 2

By | 30 giugno 2003

Ingredienti per 10 persone: 300 gr. di farina- 110 gr. di zucchero a velo- 2 uova- cannella in polvere- lievito in polvere- latte- sale-
olio per friggere

Impastare la farina e le uova con 80 grammi di zucchero a velo, un cucchiaio di cannella, uno di lievito in polvere, 3 cucchiai di latte e un pizzico di sale. Lavorare l’impasto sulla spianatoia, finché sarà liscio e uniforme. Quando il tutto è ben amalgamato far riposare per circa 30′.

Tirare la pasta con la macchinetta in una sfoglia molto sottile. Ricavarne dei rettangoli di circa cm 3×7 e incideteli al centro con la rotellina dentata senza raggiungere i bordi dei triangoli, quindi immergerli in olio bollente a 175°.

Quando saranno ben dorati tirarli dalla padella, scolarli ben bene e posarli in un piatto su una carta assorbente. Successivamente disporli nel piatto di portata e spolverizzarli con il restante zucchero a velo.


A questo proposito vi riporto alcuni piccoli trucchi e segreti per una frittura perfetta.
Innanzitutto occorre avere a disposizione olio buono, abbondante e caldo al punto giusto. Queste sono dunque, le regole di partenza per ottenere un fritto dolce perfetto.

Come fare a sapere, però se il grasso è giustamente caldo, se non si dispone di un termometro o friggitrice elettrica? Un buon metodo empirico consiste nel gettarvi un pezzetto di pane: se viene a galla, sfrigolando allegramente, l’olio è pronto. In effetti, è meglio che all’inizio la temperatura sia leggermente più alta del necessario. Quando nell’olio si mettono corpi freddi, infatti essa si abbassa. Anche per questo motivo, oltre che per poterle girare più facilmente, quando sono gonfie e dorate, su un lato, conviene cuocere un po’ per volta. Ciò è particolarmente importante quando si friggono le chiacchiere, che si gonfiano parecchio e che, se trovano spazio attorno a sé, assumono forme particolarmente mosse e divertenti.


Accanto al fornello, quando si frigge, bisogna tenere un vassoio coperto da carta bianca assorbente. In mancanza si può copiare un’idea della nonna e usare i sacchetti del pane, aperti. Man mano che si tolgono dall’olio con il ragno, i fritti vanno sgocciolati ben bene, recuperando nella padella tutto quello che si sgocciola. Naturalmente, man mano che si frigge, l’olio si consuma. Di tanto in tanto, bisogna aggiungerne un po’ e aspettare che riprenda il colore necessario.

Un po’ di farina e di zucchero fuoriusciti dalle preparazioni possono formare delle scorie che caramellizzano sul fondo della padella. Se ciò avviene, soprattutto quando si frigge a lungo, converrà filtrare l’olio e gettare la parte nera che, altrimenti, continuando a bruciare, potrebbe rendere amaro il fritto.

Si stendono, quindi , sulla carta, in modo che si asciughino e perdano ancora un po’ di olio, quindi si spolverano di zucchero a velo.

Lascia un commento