Coniglio alla sanfasò

By | 30 giugno 2003

Di Puck ed Enza

Ingredienti: 1 coniglio disossato – il suo fegato sminuzzato-
5 zucchine piccole- pecorino fresco affettato fine- foglie di basilico-
1/3 di bicchiere di vino bianco secco- aceto balsamico- rete di maiale- sale e pepe


N.B. Io ho usato un forno ventilato credo che i tempi per lo statico siano un attimino più lunghi rispetto a quelli descritti in ricetta.


Si prende un coniglio e si fa disossare a suon di bestemmie del macellaio (mi raccomando si devono sentire bene) e si distende a pancia all’aria su un foglio di carta da forno.

In una padella a parte si saltano delle zucchine (l’equivalente di 2 zucchine piccole) tagliate a piccoli tocchi con un soffritto di cipolla facendoci evaporare 1/3 di bicchiere di aceto balsamico.

Quando le zucchine sono ben dorate si mettono da una parte a raffreddare e si torna sul coniglio; rivestiremo quindo l’interno con rigatino toscano (va bene anche la pancetta) e distribuiremo sulla superficie il fegato del coniglio sminuzzato.

Quando le zucchine saranno fredde (anche tiepide va bene) andranno a far parte della farcia insieme a tutto il resto.

Si stendono delle fette di pecorino fresco affettato fine su tutta la farcia per legare il ripieno e delle foglie di basilico fresco per profumare.


A questo punto chiudete il coniglio senza usare lo spago ma con degli stecchini legate insieme le parti che arrivano meglio e rivestite tutto con la rete di maiale. si mette in forno a rosolare x 10 /12 minuti a 190/200° dopo di che si gira e si abbassa la temperatura del forno a 160° per altri 15/18 min. si toglie e si lascia raffreddare in modo da poterlo tagliare a fette agevolmente.

Nella padella dove abbiamo saltato le zucchine preparo un altro soffirtto di cipolla e salto altre 3 zucchine piccole tagliate a tocchetti le facciamo andare fino a che non sono belle dorate e aggiungiamo una bella innaffiata di aceto balsamico un pizzico di sale e una esigua spolveratina di pepe, facciamo evaporare fino a quando le zucchine non hanno un aspetto caramellato; si tolgono dalla padella si fanno stiepidire e si passano grossolanamente.

A questo punto è quasi pronta anche la salsa, resta da aggiungere un po’ di olio a crudo e il juns che il coniglio avrà prodotto nella teglia.

Si affetta generosamente la bestiola e la si dispone su un piatto da portata, la salsa a parte, ed ecco che il “coniglio alla sanfasò” è pronto da servire in tavola!

Lascia un commento