Riso comenonso

By | 30 giugno 2003

Riso affogato nel vino rosso. (dov’è la risata sganasciante? Be’, mettetecela)

Vi spiego com’è.

Io avevo del riso “Roma” che giaceva lì. Non uso quel tipo di riso. Non so come mai ce l’avevo… probabilmente un acquisto sbagliato di Loris. Avevo 2 quasi mezzi litri di vini diversi, ma fratelli. Rossi. Questo non lo dovrei confessare, vero? Ormai l’ho fatto. pazienza.

Fratelli perchè erano 2 barbera, ma di anno e marche diverse. Ci ho unito un bicchierino di rum, un chiodo di garofano e ci ho schiaffato dentro 200 grammi di riso crudo a macerare. Vi giuro, l’ho fatto con espressione moooolto soddisfatta.

L’ho lasciato lì quasi tre ore, poi ho fatto ammosciare una cipolla tagliata fine in un pochino d’acqua, facendola cuocere piano piano.

Ho preso la ciotola con il vino e il riso e l’ho schiaffata là dentro, facendo cuocere il riso nel vino a fiamma forte. Poco prima che il liquido fosse tutto assorbito, ho aggiunto sale e pepe.

L’ho tolto dal fuoco e ci ho unito una bella noce di burro e metà della confezione di stracchino che avevo in frigo.

Ma l’ho aggiunto a poco a poco, montando il tutto delicatamente con la frusta, come se fosse un dolce. Chi sa perchè?

Poi ho schiaffato tutto in una pirofila e l’ho messo nel microonde nuovo. Funzione combi, metà potenza. Ho deciso che 5 minuti bastavano.

Era buonissimo. La prossima volta ci metto qualche erba.

Lascia un commento