Pollice e mezzo pollice

By | 30 giugno 2003

Sono sorpresa che i miei colleghi “austroungarici” non ne abbiano parlato, lo faccio io perché a casa mia era -l’inverno- il piatto familiare delle coccole, non do quantità fate a gusto vostro:


si prendono dei wurstel buoni (non pollì, o tacchino, o tritodenonsesache magro) buoni vuol dire originali austroungarici e non mi fate il pianto che tanto si trovano dappertutto ormai, poi ci vogliono le patate più o meno il doppio della quantità dei wurstel, pancetta affumicata -abbondate che é meglio- e tanta cipolla.
Con olio rosolate bene cipolla e “panzeta” tagliate piccole la ric. orig. ci voleva lo strutto… fate voi, se vi regge la coscienza…

Quando sono rosolati ci mettete dentro le patate tagliate a cubetti e i wurstel (ma perché la mia tastiera non ha la dieresi, ma perché?) tagliati a rondelle grosse, tappate col coperchio ed ogni tanto tornate al tegame per dare una scotolata ed una giratina alle patate che si devono un po’ stufare e un po’ accrostare.

Questo é il mezzo pollice, i Triestini ed altri austroungarici che indicherò col naso (eh Klimt!) ci riconosceranno anche la patata in tecia che é un’altro abisso di nequizie che si produce giù al nord, per fare il pollice intero ci vanno aggiunti sopra un uovo a persona, rotti sopra la preparazione quando é cotta, fatti cuocere all’occhio col coperchio chiuso per qualche minuto. (tutto questo naturalmente se il vostro fegato non ha detto prima :basta pietà fermatela dirò tutto, confesso, basta che la fermate)

Lascia un commento