Polpette di Livia a modo mio

By | 30 giugno 2003

Livia é, si spera ancora, la cuoca di Sophia Loren.
Queste sono le sue polpette riadattate da me.

Non vi dò le dosi, perché essendo noi nel regno delle fate, ognuno fa alla sua maniera.
Se dò le dosi va a finire che si arrabbia qualcuna e mi trasforma in ranocchia, biscia o cos’altro.

Allora si mescola la carne macinata con del pane tostato
in forno ed ammollato poi nel latte.

Si regola di sale e pepe, niente uova.

Si fanno le polpette che si passano nella farina e si friggono in olio buono.

Una volta fritte, si toglie l’eccesso di unto dalla padella, facendo attenzione a non buttare i pezzettini di carne che sono rimasti attaccati sul fondo.

Si fa sciogliere una noce di burro e si aggiungono delle
erbe, maggiorana, salvia, bacche di ginepro schiacciate, foglie di alloro spezzettate.

Si fa cuocere dolcemente per pochi minuti, poi si sfuma con vino bianco secco, quando questo sará evaporato si
aggiunge un po’ di brodo di carne e della panna liquida.

Si fa riscaldare, senza sobbollire, si passa al colino e poi si versa il sugo sulle polpette, nappandole per benino.

Se si fa un po’ di sugo piú abbondante si puó usare per
condire dei tagliolini e magari cospargerli anche con un
pó di tartufo.

Lascia un commento