‘ndunderi di ricotta

By | 30 giugno 2003

Gli ‘ndunderi (di Minori) sono stati riconosciuti dall’Unesco come una delle prime “paste” codificate. D’altra parte, in tempi “moderni”, i primi pastifici artigiani sono sorti proprio in Costiera amalfitana.  Comunque, ai tempi dei romani, le donne di Minori facevano gli ‘ndunderi con farina di farro e caglio o, addirittura, lattice di fichi.

Ingredienti: g. 200 di ricotta di mucca – g. 125 di farina – 2 tuorli d’uovo – abbondante formaggio grattugiato (io direi caciocavallo, poi fate voi) – sale, pepe – noce moscata q.b. pomodorini del piennolo – 1 cipolla piccola – basilico – 100 gr di scamorza affumicata – olio extra vergine d’oliva e sale q.b.

Per fare gli ‘ndunderi, impastare tutti gli ingredienti e lasciare riposare per un’ora. Ridurre l’impasto ad un cordone non molto sottile e tagliare a tocchi. Cuocerli in acqua bollente, scolarli.

In una padella, imbiondire lentamente la cipolla nell’olio, unire i pomodorini a pezzetti e far cuocere per cinque minuti. Aggiungere abbondante basilico spezzettato. Spadellare gli ‘ndunderi e versarli in una teglia da forno, ricoprirli di fettine sottili di scamorza passare a forno caldo e servire.

 

Per quelli al pesto d’erbe ho usato: noci, 1 rametto di finochietto, prezzemolo, maggiorana e basilico (un pizzico di maggiorana e 3 foglie di basilico). Mezzo spicchio d’aglio senz’anima, pepe, cacioricotta e, naturalmente, olio.


Lascia un commento