Impasto per la pizza

By | 30 giugno 2003

Ingredienti: 1 kg di farina – 1/2 cubetto di lievito di birra – un pizzico di sale – acqua tiepida

Fate sciogliere il lievito in un bicchiere d’acqua tiepida (a dire il vero, io uso meno di un quarto di cubetto) e, quando è sciolto, amalgamatelo con un paio di pugni di farina. Formate un “blob” semiliquido e mettetelo a lievitare per mezz’ora/un’ora. Preparate la farina a fontana sul tavolo, mettete al centro l’impasto lievitato con una presa di sale, aggiungete poco alla volta farina e acqua tiepida e lavorate la pasta [b]molto[/b] energicamente per almeno un quarto d’ora. Fate lievitare di nuovo, in luogo tiepido e buio, al riparo dalle correnti, fino al raddoppio.

Ma io non la faccio così.

Se avete tempo, è molto meglio usare solo l’angolino (una briciola) del cubetto di lievito, procedere come sopra, tenere l’impasto per mezz’ora, coperto, a temperatura ambiente e poi farlo lievitare molto lentamente, da 24 a 36 ore (molto meglio, nel ripiano meno freddo del frigo, già porzionata in contenitori chiusi. La lievitazione lenta la renderà molto più digeribile. Basterà tirarla fuori dal frigo  2/3 ore prima di stenderla e cuocerla.

Al momento di stenderla, fatelo assolutamente con le mani, non “uccidete” la pasta con il mattarello. Vedrete che è molto più facile di quanto immaginiate.

Dovendo usare una teglia,  non ungetela con l’olio, ma spolveratela con la farina. Conditela secondo le vostre preferenze (non è meglio solo mozzarella e pomodoro? O con le acciughe?) e infornatela piuttosto in alto, nel forno già caldo, al massimo del calore, non usando  la funzione “ventilato”.

Se usate la teglia, la mozzarella aggiungetela a metà cottura.

Se usate una pietra refrattaria e la pizza la poggiate sulla pietra già caldissima, posizionata in alto e con il grill acceso, vedrete che somiglierà molto a quella della pizzeria.

Lascia un commento