Perù – Causa limena e causa rellena (fotoricetta)

By | 30 giugno 2003

Causa limena

Dose per 6/8 persone, dipende da come e da chi la mangia.

2 kg di patate farinose (quelle da gnocchi)- ½ bicchiere (io ne metto anche molto meno) di olio di mais- 3/4 limoni grandi- 2 cipolle medio- grandi- 3/4 uova sode- olive nere – 2 ajì amarillo o peperoncini freschi nostri – maionese –  facoltativo del formaggio fresco (tipo primo sale) – sale

Tritare molto finemente le cipolle e metterle per circa mezz’ora in acqua e sale. Poi strizzarle

Rassodare le uova.

 Far bollire le patate, poi pelarle e passarle. Aggiungere il succo dei limoni spremuti, l’olio di mais, il sale, la cipolla e i peperoncini frullati con il succo di limone.

Amalgamare e dare forma alla massa, anche su un piatto di servizio.

Decorare con le uova sode, le olive, la maionese o, eventualmente, con il formaggio fresco.

Causa rellena con il tonno

2 kg di patate farinose (quelle da gnocchi)- ½ bicchiere di olio di mais- 3/4 limoni grandi- 2 cipolle grandi- 6 uova sode- maionese- 2 scatole di tonno al naturale – olive nere e verdi snocciolate- uno o due  “ajì amarillo” fatti rinvenire nell’acqua… oppure un paio di peperoncini limeno giallo in salamoia. Se non avete proprio niente del genere… usate polvere di peperoncino o di paprika – olive nere

Far bollire le patate e poi pelarle e passarle. Aggiungere il succo dei limoni spremuti, l’olio di mais, il sale e  il peperoncino frullato col limone.

Fare uno strato (di circa 3 centimetri di altezza) di patate in una terrina dai bordi alti (quelle di coccio o di porcellana da forno vanno benissimo.

Sgocciolare perfettamente il tonno dal liquido di conserva e mischiarlo con abbondante maionese.

Tritare molto finemente le cipolle e metterle per circa mezz’ora in acqua e sale. Poi strizzarle

Tritare le uova sode

Cospargere le patate con le cipolle tritate. Sopra metterci il tonno con la maionese. Sopra mettere le uova sode tritate.

Ricoprire con un altro strato di purè di patate.

Decorare con altra maionese, uova sode e le olive.

Tenere in frigorifero almeno un paio d’ore prima di servire.

 

Variazioni Clelia:

Non usare olio di mais, ma mettere nelle patate solo tantissimo succo di limone;

In mancanza di “sibarita” e di peperoncini peruviani, ho spolverato abbondantemente di paprika dolce e piccante le cipolle e le uova. Il risultato è diverso, ma ottimo;

CAUSA RELLENA (VERSIONE A TRE STRATI )

Vi metto i fotogrammi della versione a tre strati, per farvi vedere bene cosa NON fare. :ehe:

Ho voluto usare uno stampo a cupola, sapendo benissimo che, quando si sforma, fatalmente si rompe.

Sono anni che mi succede. :genio:

Sarebbe molto meglio utilizzare uno stampo a cerniera o, anche meglio fissare solo la “cerniera” sul piatto di portata.

Comunque, i fotogrammi li ho fatti e forse, possono essere utili. 

Usare un avocado molto maturo (quasi nero)

Mettere la polpa in una ciotola, con il succo di limone. Pare che lasciando anche il nocciolo, non annerisca.

Questi sono ajì amarillo “freschi”… cioè, li ho congelati freschi l’anno scorso. :genio:

Pulirli, liberandoli dai semi e dalle nervature.

Tritare e frullare i peperoncini con il succo di limone e  versare il, insieme all’olio, sulle patate schiacciate.

Dividere l’impasto  in tre parti. Uno lasciatelo così com’è.

Il secondo unitelo all’avocado frullato con il limone

Alla terza parte unite un cucchiaio di succo di barbabietola rossa (Comprate quelle in busta, precotte, e usate il succo)

Ora, tutto quello che segue, per non trovarvi nei guai, i consiglio di farlo al contrario. Cioè: già sul piatto di portata, prima lo strato bianco e poi gli altri. Ma qui vedrete come mi ostino a farlo :genio:

Mettete  in uno stampo a cupola lo strato di patate rosse.

Spalmatelo con un velo di maionese

Poi mettete la cipolla, il tonno mischiato con la maionese e le uova sode tritate.

Poi fate lo strato verde, farcendo come sopra

E poi terminate con lo strato giallo, che è il più “duro”, quindi in grado di reggere meglio il peso.

 Metto in frigo.

Prima di servire lo sformo su un piatto, utilizzando qualsiasi cosa per riuscirci.

Ma voi non dovrete ridargli la forma, perché l’avrete fatto nel modo giusto. :genio:

A me piace decorarlo come se fosse il dolce-incubo di una casalinga americana, ma voi non siete obbligati a seguire la mia perversione.

Verrebbe molto bello anche senza decorazioni, se si riuscisse a tagliarlo nettamente, con qualche attrezzo, porzionandolo a forma di goccia o di rombo.

Io  riesco solo a tagliarlo a fette. 😀

 

Se volete fare la causa rellena con il pollo, usate come ripieno il pollo fatto come per l'[url=http://www.prezzemoloefinocchio.it/modules/wfsection/article.php?page=1&articleid=426]ajì de gallina[/url]

 

Potete anche riempirla con crostacei o pesce… o  con tutto quello che pensate possa starci bene.

Ma fatela!

Vi assicuro, che diventerà un’abitudine d’estate, per come è fresca e buona.

Lascia un commento