Perù – Aji’ de gallina

By | 30 giugno 2003

 

Ingredienti: 1 gallina – 1 petto di pollo – verdure da brodo – 2 cipolle tritate – 2 spicchi d’aglio – 2 tazze di latte (ci andrebbe latte in polvere, ma…) – 4 ajì amarillo (peperoncini gialli piccanti. A Roma si trovano secchi da Castroni a Via Ottaviano. Conferiranno al piatto il suo colore caratteristico, giallo pallido) – 1 pacco di pan carrè– olio di mais (ma io ho usato quello di oliva e. v.)- patate lesse – uova sode e olive nere per decorazione

Se è possibile, mettere gli ajì amarillo secchi nell’acqua per farli rinvenire dalla sera prima, oppure almeno qualche ora prima. Poi pulirli  (liberarli dai semi e dai filamenti) e tritarli.

Mettere sul fuoco l’acqua e le verdure per il brodo. Quando l’acqua è bollente aggiungere la gallina e il petto di pollo.

Far soffriggere nell’olio la cipolla, l’aglio e i peperoncini. Una volta dorati, frullarli insieme al pane spugnato nel latte e poi strizzato, unendo un po’ di brodo. Rimettere tutto sul fuoco basso e aggiustare di sale.

Tagliare a pezzetti o, meglio, sfilacciare la carne della gallina e il petto di pollo. Aggiungerla con un po’ di brodo alla salsa sul fuoco. Non obbligatorio ma, nel caso aveste trovato anche del “palillo”, aggiungerne una bustina. Si può usare in sostituzione un po’ di curcuma. Fare insaporire e addensare.

Versare il tutto su patate tagliate a fette e decorare con le uova sode tritate e le olive nere.

A temperatura ambiente, servito su foglie di lattuga, è adattissimo ad un buffet estivo.

 

Bollente, leggermente più brodoso, e servito anche con riso, è perfetto per una cena invernale. Qui è con riso rosso della Camargue, mischiato con del basmati.

Variazione “clelia” alla ricetta classica: Unire cento grammi di noci pelate agli ingredienti da frullare. Aggiungere 100 grammi di parmigiano grattugiato poco prima di spegnere il fuoco.

 

Lascia un commento