Irish Tea Bread

By | 10 novembre 2003

[img align=center]http://natasha.ennedi.com/foto/cucina/irish_tea_2.jpg[/img]

Questa e’ un’altra ricetta presa dallo stesso libro di Delia Smith. Vi passo sia la ricetta originale, sia le mie variazioni.

Ingredienti: 225 gr uva passa normale – 225 gr uva passa chiara (golden) -225 gr ribes issiccati – 110 gr canditi – 225 gr zucchero di canna (demerara) – 110 gr noci americane – 225 ml te’ earl grey oppure Lapsang Souchong, oppure altro te’ caldo – 1 uovo grande temperatura ambiente – 2 cucchiai latte – 450 gr di farina self rising (con il lievito “incorporato”) –

Io ho fatto mezza porzione ; ho apportato le seguenti modifiche: 225 gr uva passa normale (invece di 2 tipi di uvetta) – 110 gr albicocche secche tagliate a pezzettini piccoli – 70 gr canditi 130 gr zucchero di canna (demerara) – 80 gr noci normali spezzettate – 130 ml te’ English Breakfast bello forte – 1 uovo grande temperatura ambiente (ho lasciato un uovo intero , non ho fatto a meta’ ) – 1 cucchiaio latte – 225 gr di farina normale + 1 pacchetto di lievito paneangeli + 1 cucchiaio raso di cannella in polvere + un po’ di noce moscata

Da fare il giorno prima: Preparare il te, sciogliere lo zucchero. Mettere tutta la frutta (tranne le noci e i canditi) in una terrina, versare il te’, coprire e lasciare da parte. Il giorno dopo: Mettere a scaldare il forno a 170 gradi. Nella terrina con la frutta secca ed il te’ mettere le noci ed i canditi,  poi l’uovo “mescolato” al latte, le spezie, mescolare il tutto, poi setacciare la farina insieme al lievito. Mescolare tutto per bene. Viene fuori una massa molto densa , preoccupante direi… ho avuto una tentazione fortissima di aggiungere altro latte o panna o uova… poi mi sono trattenuta, ed ho fatto benissimo!!!!! Mettere questa massa in uno stampo da plumcake imburrato (possibilmente mettere anche un po’ di carta forno sotto: sara’ piu’ facile toglierlo). Infornare per un ora e 1 quarto – un ora e mezza (nel caso mio mi e’ bastata un’ora… ed ho dovuto coprire il dolce con la stagnola a meta’ cottura se no mi si bruciava… ma questo e’ il problema del mio forno). Appena lo stuzzicadenti esce fuori asciutto e pulito, togliere il dolce dal forno, sformarlo e mettere sulla griglia a raffreddarsi. E’ molto buono caldo appena sfornato ma decisamente (come tutti i dolci di questo tipo con tanta frutta secca) migliora dopo un paio di giorni.

Lascia un commento