RAU’ CO ‘E VRACIOLE (Ragu’ con le braciole)

By | 14 novembre 2003

Fettine di manzo adatte ad involtini – caciocavallo stagionato grattugiato (molti mettono pecorino romano. Parmigiano? Può andare… ma è un’altra cosa) – prezzemolo – uvetta – pinoli – conserva – pomodori pelati passati – vino rosso non pastoso – aglio – sale

Tritate il prezzemolo (molto abbondante), i pinoli e uniteli al formaggio grattugiato insieme all’uvetta, con un pizzico di sale. Calcolate 6/7 pinoli e acini di uvetta per ogni involtino (circa, eh? Non stiamo lì a contarli! 😀 )Distribuite il tutto sulle fettine, che devono essere coperte da uno strato sottile ma uniforme. Il prezzemolo e il formaggio devono essere in pari quantità. Ci andrebbe anche l’aglio tritato, ma… odio ritrovarmi pezzetti d’aglio in bocca. E quindi io non ce lo metto. Alcuni mettono anche del salame, ma… io non lo farei mai e poi mai. 😀

Fate gli involtini e fermateli con gli stuzzicadenti. Oppure, legateli. In una pentola di terracotta mettete a soffriggere due spicchi d’aglio schiacciati, aggiungete gli involtini e fateli soffriggere. Quando saranno rosolati, aggiungete il vino. Quando il vino è evaporato, buttate l’aglio, togliete gli involtini e teneteli da parte, al caldo. Cominciate ad aggiungere la conserva, una cucchiaiata alla volta e fatela soffriggere e scurirsi prima di aggiungere l’altra. Mettetene almeno 4 o 5 cucchiaiate. A quel punto, unite i pelati passati, rimettete gli involtini nel sugo, coprite e fate cuocere a fuoco basso per almeno 3 ore, ricordandovi di girare spesso. Alla fine il sugo dovrà essere denso, lucido, scuro… e tanto profumato.

 

Naturalmente, vi servirà per condire la pasta. Quale? Ziti, perciatelli, paccheri, fusilli… quella che vi pare.  Ma se è pasta rigata, non fatemelo sapere. 😀

Lascia un commento