Fritto misto

By | 30 giugno 2003

I pesci devono essere freschissimi. Quindi si utilizza quello che si trova di più fresco. Generalmente compro calamaretti, scampi, gamberi, piccole sogliole, e piccole acciughe- i gianchetti-.

Pulisco i pesci, lascio interi i gianchetti. Li bagno in acqua molto fredda oppure per un piatto “sublime” li risciacquo con il vino bianco. Li passo in abbondante farina bianca e poi in un setaccio per togliere l’eccesso di farina.

Scaldo l’olio di arachidi a 180 gradi e getto i pesci, poco per volta. Non bisogna mischiare i vari tipi di pesce perchè hanno tempi di cottura diversi. Tolgo dal fuoco quando la frittura è dorata e croccate – max 5 minuti.

Metto poco sale prima di portare in tavola. Non uso assolutamente limone. Mi piace servirli su foglie di limone leggermente stropicciate. Lascieranno andare solo il profumo del limone, non l’acidità. Per accompagnare: un Pigato del Ponente ligure, ben freddo.

Lascia un commento