Le polpette 2

By | 30 giugno 2003

Si inizia con la carne tritata di vitello, rimacinato possibilmente, si mette in una fondina e si impasta con uovo, pecorino siciliano grattuggiato, pangrattato, prezzemolo tritato, pinoli e uvetta (passolina), poco sale perchè il pecorino siculo è già molto saporito.
In un piattino si mette un fondo di vino bianco, si bagnano le mani nel vino bianco e si confezionano delle polpette schiacciate che hanno un pò la forma di una mega-supposta.
Si friggono in olio ev e dpo averle fritte si tuffano nella salsa di pomodoro e basilico bollente.
Il sugo serve per condire la pasta, in genere ditali, e le polpette da secondo.

Quella che vi ho rifilato è la versione della nonna, poi c’è la mia un pochino diversa nel senso che io cerco sempre di mettere la mollica del pane bagnata nel latte e strizzata, ma questa è la mia versione.
Clieliuccia, queste sono le polpette che tu chiami “antiche” o meglio le polpette antiche di casa mia.

Anticamente, come diciamo noi terruncielli, a trapani si facevano le polpette con le sarde o anche con il tonno fresco.
Io credo che, pecorino a parte, il procedimento sia praticamente lo stesso, ma per non sbagliare appena trovo le sarde come dico io le provo e poi riferisco.

Lascia un commento