Norvegia – Gravas laks

By | 30 giugno 2003

Prendere una baffa di salmone togliere tutte le spine con una pinzetta passando il dito sulla polpa in modo da sentirle (non si vedono). Pesare il salmone, mescolare in una ciotiola il 10% del peso di sale ed il 10% del peso di zucchero di canna (ma anche normale). Mettere la baffa di salmone in un recipiente di vetro o di acciaio che stia in frigo, con la pelle verso il basso, coprirlo integralmente con la mistura di zucchero e sale e lasciar riposare in frigo comperto con pellicola per 12 ore. Trascorso questo tempo girare il salmone che avrà creato un’acqua sciropposa con la pelle verso l’altro e farlo marinare per altre 12 ore.

Infine toglierlo dal liquido che si sarà formato, sciacquarlo e asciugarlo con uno scottex. Facoltativo: cospargerlo di aneto (ma io preferisco di gran lunga erba cipollina) tritato, lasciar insaporire per un paio d’ore quindi affettare come fosse salmone affumicato e servire. Ho un dubbio sulla percentuale di sale e zucchero ma a breve darò conferma.

Lascia un commento