Le polpette 1

By | 30 giugno 2003



In realtà l’origine della ricetta é siciliana, però io le faccio così.


Allora per farle ci vuole di andare all’ikea. no, non per comprare mobili ma per andare allo spaccio dove, districandosi tra salmoni ed aringhe, si acquisterà, nel banco dei surgelati, una confezione di albondigas, polpette, meatballs o chiamatele come vi pare.


Per i puristi ci si può scemire a fare polpettine piccole come noci mettendoci i soliti ingredienti, ma vi avverto: quelle di Ikea sono meglio.


Dopo di che si affettano sottilmente almeno quattro grosse cipolle e si mettono a soffriggere con l’olio, poi ci si versa dentro la confezione di polpette e si fanno andare a fuoco vivo. Quando sono rosolate si versa dentro un bel bicchierone di aceto, altrettanta acqua, uvette, pinoli, parecchio alloro e se volete anche un po’ di sale; poi si tappa col coperchio e si fa andare ancora un po’, non moltissimo.


Dopodiché mettete tutto in una ciotola, piazzate in frigo e mangiatele a temperatura ambiente il giorno dopo.

Lascia un commento