Pollo impalato alla slava

By | 30 giugno 2003

Prendete un pollo. Intero (pulito e spennato ovviamente) . Lo lavate, lo asciugate. Lo infilzate con delle fettine d’aglio qua’ e la. Poi lo salate e lo pepate dentro e fuori (a me piace il misto di pepe nero e paprica in questo caso).

Poi avete 3 possibilita’.

1. Vino

2.Birra

3. Acqua

Prendete una bottiglia (meglio di tutte andrebbe una da mezzolitro) a meta’ pieba di uno dei 3 liquidi indicati sopra. Volendo potete mettere un rametto di rosmarino dentro la bottiglia.

Ci appoggiate il pollo sulla bottiglia a gamebe in giu’…. insomma , lo impalate. Si. Proprio come ha detto Clelia. Avete bisogno delle FOTINE per caso? Il collo della bottiglia non deve fuoriuscire dal collo del pollo.

Ora prendete un tegame (di quello che possono andare nel forno) , ci mettete un po’ d’acqua, mettet tutta la struttura sadica dentro qusto tegame e trasferite il tutto nel forno gia’ caldo a 180 gradi. Meglio se lo tenete acceso solo sotto. Almeno fino all’ultimo. Poi se vedete che il pollastro e’ troppo chiaro potete mettere anche il ventilato.

In un oretta si dovrebbe cuocere. Prima di sfornarlo fate prova “stecchino” – punzecchiatelo con una forchetta. Se il liquido che esce non e’ piu rosa – il polletto e’ fatto.

Viene molto buono, con la crosticina bella croccante e profumata e la carne tenera e molto succosa.

E poi ‘ niente grassi aggiunti!

Lascia un commento