Tarte tatin

By | 30 giugno 2003

Ingredienti per 8 persone:


Per la base: farina bianca g 300 – burro g 150 – un pizzico di sale – acqua g 75


Per la farcia: 4 mele renette – zucchero g 90 – burro g 90


PROCEDIMENTO

Per la base:

impastare la farina con il burro strofinando gli ingredienti tra le mani fino da ottenere un briciolame; formare la fontana e quindi versarvi al centro 75 g di acqua, unire un pizzico di sale ed impastare il tutto velocemente per non “bruciare” la pasta; formare quindi una palla, avvolgerla in un foglio di pellicola e metterla a riposare in frigorifero.


Per la farcia:

pelare le mele renette, privarle del torsolo e tagliarle in 8 spicchi ciascuna (io invece due mele le taglio in 8 spicchi e le altre due le taglio in 8 fette tonde). Cuocere in una padella antiaderente lo zucchero con 90 g di burro e, quando il tutto comincia a prendere colore, unirvi le mele, farle leggermente appassire nel caramello, quindi trasferirle con tutto il sugo caramellato in uno stampo a bordi bassi di circa 30 cm di diametro, precedentemente ben imburrato , sistemandole in un solo strato.

Prendere la pasta dal frigo, stenderla sulla spianatoia fino ad ottenere una superficie uguale allo stampo, bucherellarla con la forchetta o con l’apposita ruota dentata e stenderla sulle mele nello stampo, pareggiarla e rincalzarla ai bordi (cioè far girare appena sotto il bordo esterno delle mele). Infornare a 180° per circa 30 minuti e comunque fino a quando la superficie è dorata, quindi sfornare e, subito dopo, capovolgerla sul piatto di portata, in modo che le mele caramellate risultino bene in vista, ma nel cestino di pasta (perché quella operazione di rincalzare i bordi fatta in precedenza, quando la torta si gira dà l’effetto di un bordo ondulato e quindi sembra un cestino che contiene le mele a vista).


Servire la torta Tatin leggermente tiepida (se già fredda, riscaldarla appena un po’ prima di servirla).


Vino consigliato: un buon moscato oppure un buon passito.

Lascia un commento