Croissants

By | 30 giugno 2003

Ingredienti: 600 gr. di farina Manitoba- 150 gr. di zucchero-
1 lievito di birra- 2 uova- una fialetta di Aroma Arancio- una scorza di limone- un pizzico di sale- latte q.b.- 1 bustina di vanillina


PER IL PANETTO DI BURRO: 250 gr. di burro- 1 bianco d’uovo-
100 gr. di farina

Allora per prima cosa sistemare tutti gli ingredienti sul tavolo di lavoro.
La prima operazione da fare è quella di prendere un bicchiere, mettere 2 dita d’acqua tiepida e versare dentro il lievito di birra senza toccarlo.

Prendere una bella ciotola capiente, metterci dentro la farina, lo zucchero, le uova, il sale, la bustina di vanillina, il lievito che abbiamo sciolto mescolando prima con un cucchiaino, l’aroma d’arancio, il limone e con il latte a temperatura ambiente incominciare ad impastare, fino a raccogliere tutta la farina.

Formare un panetto, infarinare il piano di lavoro e versare il panetto incominciando ad impastare con le mani.

Impastare lavorando la pasta, stropicciandola, aprendola e impastandola con energia.
Rimettere la pasta nella ciotola, fare un segno a croce con la punta del coltello, coprire con uno strofinaccio e mettere in luogo tiepido e far sì che la pasta raddoppi il volume.

Intanto che la pasta lievita preparare il panetto di burro.
Mettere in una ciotola il burro, il bianco dell’uovo, così com’è, senza montarlo e la farina. Impastare con le mani e quando la farina si è incorporata al burro mettere il panetto in una pellicola trasparente, schiacciandolo e dandogli la forma di un mattone e riporre in frigo per 30 minuti.

Quando la pasta avrà raggiunto il bordo della ciotola rimetterla sul piano di lavoro e rimpastarla. Con l’aiuto del matterello e di un po’; di farina dargli la forma di un grande quadrato, mettere al centro il panetto di burro e chiudere verso l’interno il lato destro, poi quello sinistro, il bordo superiore e quello inferiore; cioè tutti i lembi devono essere chiusi verso l’interno. Con l’aiuto del matterello, fare una leggera pressione sopra la pasta cercando di schiacciarla, avvolgerla in uno strofinaccio e metterla in frigo per 10 minuti.

Trascorso questo tempo, riprendere la pasta, spolverare il piano di lavoro, sempre con un velo di farina e, sempre con l’aiuto del matterello, incominciare a stendere la pasta dal centro verso l’alto e dal centro verso il basso dandogli così la forma di una striscia.
Ripiegare così come se chiudessimo un libro cioè: prendere il lato di destra, e piegarlo all’interno; prendere poi il lato sinistro e chiuderlo sopra a quello che abbiamo chiuso prima. FACILE VERO?

Schiacciare un po’ con il matterello e riporre in frigo.

Questa operazione di uscita, stesa, e rimessa in frigo deve essere ripetuta almeno per 4 o 5 volte; ma ogni volta che si riprende la pasta e la si mette sul tavolo, le pieghe della pasta devono sempre stare sui vostri lati, e la striscia dev’essere sempre più lunga.

Dopo la 5 volta mettersi su un piano di lavoro più grande, spolverare di farina e stendere la pasta facendo in modo di ottenere una bella striscia lunga, non molto sottile e alta almeno 25 cm.
Posizionare davanti a noi la striscia in senso orizzontale con la punta del coltello incominciare a tagliare dei triangoli a punta lunga, cioè il triangolo deve incominciare dalla parte superiore della striscia e la punta deve finire al bordo della striscia inferiore. Per recuperare tutta la pasta tagliare il primo triangolo, incominciando dal bordo esterno della pasta, quando si taglia il secondo triangolo, incominciare proprio con la punta e finire largo; il terzo con il lato largo e finire a punta.
Insomma, uno sottosopra all’altro, cioè uno incomincia con la parte larga e uno con la punta. Attenzione, quando tagliate il triangolo, fate una bella punta lunga. Ok?

Intanto avremo preparato o della crema pasticcera, o della marmellata, oppure la nutella, insomma ciò che si desidera mettere dentro, ma se si vuole si possono lasciare vuoti.

Prendere un triangolo, metterlo davanti a noi facendo in modo che la punta sia verso di noi, con un cucchiaino prendere un pò di ripieno a piacere e metterlo a 3 cm della fine del triangolo, cioè nella parte larga del triangolo.
Chiudere il lembo verso di noi e pressare con le mani intorno al ripieno e poi con i palmi della mano, tirare la pasta verso di noi a tipo rotolo finendo a chiudere il cornetto che deve finire con la punta. Insomma poi, ci si accorge se stanno venendo bene, ricordando quelli comprati.

Adagiarli su una teglia da forno, ricoperta di carta forno e distanziandoli un po’, perché lievitando possono attaccarsi.

Sistemarli dentro il forno e lasciarli tutta la notte a lievitare.

Al mattino, sbattere un uovo intero in un bicchiere e spalmare il croissant e spolverarlo con le mani con un po’; di zucchero. Passare al secondo e così via. Questa operazione si fa uno alla volta perché altrimenti lo zucchero non si attacca bene.

Accendete il forno a 200° e infornare fino a che i croissant non saranno diventati belli dorati.

Se si vuole alla fine, si possono spolverare di zucchero a velo.

Lascia un commento